Ciao Andrea, “Il tempo qui ed ora” è un album POP di 10 tracce. C’è un filo conduttore che lega ogni brano?
Il tema principale è proprio quello del tempo, della difficoltà che abbiamo di vivere il presente, siamo sempre o un passo avanti o uno indietro, ma difficilmente nel “qui ed ora” appunto. Credo che questo sia limitante, la sempre maggior velocità del nostro vivere, la realtà sempre più filtrata dall’uso che facciamo della tecnologia, credo ci faccia perdere delle cose importanti. Su tutto il contatto con noi stessi.

Raccontaci dell’esperienza con Iskra Menarini e del singolo “Scale di grigi”, singolo dal testo molto intenso.
E’ stata un esperienza eccezionale con un artista straordinaria, per me rappresenta l’eredità vocale di Lucio Dalla. Appena ha sentito il brano le è subito piaciuto al punto da fare una take seduta stante con quell’istintività che le è propria e solo lei ha. Questo ha arricchito notevolmente il brano dandone i colori giusti, lontani ma presenti, a sottolineare un testo per me molto importante e sentito che parola dopo parola mi emozionava fin durante la scrittura.

Come nascono i tuoi brani, la tua musica. Hai dei collaboratori?
Non nascono tutti alla stessa maniera, scrivo sia la musica che i testi, a volte prima una poi l’altra, a volte con la chitarra oppure la tastiera, dipende..Essenzialmente parte tutto da un’intuizione che posso trovare in un libro, una film, una melodia, un dialogo in un bar… Successivamente mi confronto sempre con le persone che mi sono vicine, oltre la mia band ( Walter Fortarel, Christian Nicolini, Mirko Gubert, Jacopo Bordigoni ), nel caso dell’ultimo album principalmente con i produttori Renato Droghetti e Manuel Auteri.

Stai preparando nuovi progetti?
In questo momento sto pensando a scrivere e coltivare la mia strada da autore. nel 2019 sono stato scelto insieme ad altri autori provenienti da tutta Italia per far parte dell’accademia di Ghedi sotto la guida del maestro Diego Calvetti. E’ stata un esperienza molto intensa che mi ha portato ad apprezzare molto questo mestiere che umilmente cerco di imparare. Ho un po’ di collaborazioni in co scrittura che spero porteranno a belle novità!

Se dovessi descrivere l’album con 3 aggettivi, come lo qualificheresti?
Intenso, futurista e ben suonato!

Ci sono degli artisti di riferimento o cantanti/musicisti con i quali collaboreresti volentieri?
Per “il tempo qui ed ora” i riferimenti sono diversi e spaziano dagli Imagine Dragons a Lucio Battisti. Ho avuto la fortuna di recente di collaborare come autore ad un brano con Zibba, lo trovo un artista pazzesco oltre che un grande autore, durante l’esperienza in accademia ho conosciuto il Cile e già mi piacevano molto i suoi brani ma conoscendolo lo apprezzo ancora di più, veramente un bel personaggio!

foto - Andrea Lelli

I.S.M.

5